La terrà è devastata da squilibri ambientali e tecnologici, le ricchezze sono concentrate solo su una minoranza del pianeta: in questo scenario, la notte del 5 gennaio del 2019, viene annunciata una tempesta catastrofica. In un vecchio inceneritore abbandonato si ritrovano, come ogni notte, una lavandaia svitata, un caldarrostaio, una prostituta, un prete. Alla notizia del diluvio i protagonisti, sovvertendo l’ordine sociale, decidono che soltanto ai poveri come loro verrà data la possibilità di salvarsi rifugiandosi nei sotterranei dell’inceneritore.

 

 

Tutti i ricchi della città sono perciò destinati a morte certa, eccetto coloro che rinunceranno definitivamente ai propri averi: abbattere lo schema della società legato alla ricchezza materiale sarà l’unico modo per sopravvivere. Compare però su internet un misterioso nick, “il commerciante di destini”, che promette la salvezza anche a chi non vuole rininciare ai propri beni. Ma la soluzione così proposta avrà risvolti inattesi.

 

 

Con questa trama debutterà, sabato 12 maggio alle 20,30, il nuovo spettacolo della compagnia teatrale cagliaritana Salto Del Delfino. Lo spettacolo verrà presentato per la prima volta nello spazio del Teatro Civico selargino (piazza S’i’ ‘e Boi – via Vittorio Veneto), per poi essere inserito in una programmazione nazionale.

 

 

“Il commerciante di destini”, scritto e diretto da Nicola Michele, prende spunto dall’idea del leggendario grande diluvio, di cui raccontano diversi testi antichi tra cui la Bibbia e i poemi babilonesi, come evento che potrebbe riportare giustizia e equità sulla terra. Il testo ci insegna a riflettere sull’attuale sistema economico-sociale che ha portato disuguaglianza e miseria nel pianeta e soprattutto distanza tra le persone causata dei guadagni e del potere. La riscossa perciò può arrivare proprio dai più deboli, capaci di solidarietà, di alleanze e soprattutto di ironia e grandi spinte d’animo.

 

 

Regia: Nicola Michele

Cast: Tiziano Cerulli (il prete), Raffaele Chessa (l’uomo ricco), Grazia Dentoni (la lavandaia), Vincenzo De Rosa (il caldarrostaio), Valentina Sulas (la prostituta).

Disegno luci: Lorenzo Perra

Tecnico audio: Stefano Puxeddu

Foto di scena: Giorgio Russo

Costumi: laboratorio Salto del Delfino

 

 

Informazioni biglietti:

Platea: intero € 12,00, riduzione € 10,00

Galleria: intero € 10,00, riduzione € 8,00

Riduzioni per under 26 e over 65

Ingresso gratuito per gli accompagnatori delle persone diversamente abili

 

Prevendite:

Pro-Loco, via Bezzeca 46, Selargius, tel. 070846611, dal lunedì al venerdì ore 16:00- 20:00.

 

Lo spettacolo è realizzato con il patrocinio del Comune di Selargius e con il supporto organizzativo e promozionale della Pro Loco di Selargius.