Nurache, nuracche, nuracu, nurahe, nuraqe, nuraghe, nuraxi, nuratzu, muraghe, runache, runaghe “nuraghe, edificio cerimoniale, religioso e politico-amministrativo” (torre tronco-conica di pietra di età pre-, proto- e storica);

 

NURAC in una ant. iscrizione nel nuraghe Aidu Entos (Mulargia) (suff. -ak); dimin. nurattólu, nuratzólu, murattólu, murathólu, muratzólu; Norake mitico fondatore di Nora (Pausania X 17 5, Solino IV 1); (Bitti, Nùoro) muragadda, mugoradda, (gall.) muradda “pietraia, mucchio di pietre, casa diruta”;

 

toponimi sas Mugaraddas (Orune), Nuragaddu (Porto Torres), Muracesus (Nuraminis), Muragheddu (Loiri), Bia Nuracada (= “strada murata, cioè lastricata”, ossia “strada romana”; Serdiana-Sestu), Nuraccale (Scano M., Suni), Nuracati (CSPS 62, 316, 352), Nuraccioni (Nurri), Nuraceddèa (Gesturi); Nuraddèo (Suni), Nurahetze, Núrahi e Nurahòro (Dorgali), Nuraghetza (Dualchi), Nurachi (Riola S.), Nuracchi (Ruinas), Nuragatta (Pozzomaggiore), Nuragattoli e Nuraghegume (Alghero), Nuragè (Desulo), Nuragiassus (Donori), Nuragoga (Giba), Nuragus (Comune di N.), Noragúgume (anche Nur-; Comune di N.);

 

tutti relitti sardiani imparentati col lat. murus “muro” (di origine ignota: DELI²), con l’antrp. etr. Muru e col tosc. mora, morra “mucchio di pietre, muriccia”. Rispetto alla base nura/mura “catasta, mucchio di pietre, muriccia, muro” e pure “nuraghe” l’appell. nurache/muraghe risulta essere un aggett. sostantivato e il suo significato originario sarà stato “(edificio) murario” oppure “(torre) in muratura” [vedi Nuragh’ ‘e sa mura, Mura ‘e fenugu, Nuragh’ ‘e fenugu, Mura úlumos, Nuragh’ ‘e mura úlumos (Aidomaggiore); Mura ‘e sórighes, Nuragh’ ‘e sórighes “nuraghe dei sorci” (Silanus); dunque mura = nuraghe].

 

Contrariam. a quanto ho sostenuto altre volte dubito che nurache sia da connettere con nurra “mucchio” e “cavità” (vedi), dato che il primo appell. ricorre sempre con la -r- debole, mentre il secondo sempre con la -rr- forte (M.P., OPSE, DILS, LISPR; corrige PLS 85-107). Vedi mura², Internuraghes.**

 

 

**Estratto da M. Pittau, Nuovo Vocabolario della Lingua Sarda – fraseologico ed etimologico, 3 voll., Domus de Janas editore, Selargius (CA), di imminente pubblicazione.